Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

VARIANTE SEMPLIFICATA AL REGOLAMENTO URBANISTICO VIGENTE: MODIFICA DELLE PREVISIONI URBANISTICHE DELLA SCHEDA NORMA CP 1.2 - UTOE 1 SARDINA (ART. 30 LRT. 65/2014)

RAPPORTO GARANTE DELL’INFORMAZIONE E DELLA PARTECIPAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE DI VERIFICA ASSOGGETTABILITA' A VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA. AVVIO FASE PRELIMINARE (ART. 22 LRT 10/2010) - VARIANTE SEMPLIFICATA AL REGOLAMENTO URBANISTICO VIGENTE: MODIFICA DELLE PREVISIONI URBANISTICHE DELLA SCHEDA NORMA CP 1.2 - UTOE 1 SARDINA (ART. 30 LRT 65/2014)

FUNZIONI DEL GARANTE       

Il Garante dell’informazione e della partecipazione, come previsto dall’art. 38 della LRT. N. 65/2014 “Norme per il governo del territorio” e ss.mm.ii, assicura l’informazione e la partecipazione dei cittadini e di tutti i soggetti interessati al procedimento di formazione degli atti di governo del territorio.

Redige un rapporto sull’attività svolta evidenziando se le attività relative all’informazione e alla partecipazione della cittadinanza e delle popolazioni interessate abbiano prodotto risultati significativi ai fini della formazione degli strumenti della pianificazione territoriale e degli strumenti della pianificazione urbanistica.

Della pubblicazione del rapporto sull’attività svolta è data comunicazione al Garante regionale dell’informazione e della partecipazione di cui all’art. 39 della LRT 65/2014.

Il presente rapporto viene redatto dalla sottoscritta, nell’ambito delle proprie funzioni, in virtù della nomina a Garante dell’informazione e della partecipazione, avvenuta con deliberazione G.C. n. 49 del 13/04/2017 con riferimento  all’avvio della fase preliminare di verifica assoggettabilità a valutazione ambientale strategica  della variante in oggetto.

RIFERIMENTI NORMATIVI

- D.Lgs 03/04/2006 n. 152 (Norme in materia ambientale);

- L.R.T. 12/02/2010, n. 10 (Norme in materia di valutazione ambientale strategica –VAS- di valutazione di impatto ambientale – VIA- e di valutazione di incidenza) e s.m.i.;

- L.R.T. 10/11/2014 n. 65 (Norme per il governo del territorio) e regolamenti di attuazione;

- DPGR 4/R del 14/02/2017  “Regolamento di attuazione dell’art. 36, comma 4 della LRT 65/2014 (Norme per il governo del territorio). Informazione e partecipazione alla formazione degli atti di governo del territorio. Funzioni del garante dell’informazione e della partecipazione”

- DLgs 18/08/2000 n. 267 (Testo unico enti locali).

OGGETTO DELLA VARIANTE

L’area oggetto di variante rientra all’interno del perimetro del centro abitato inserita nel “Sistema Territoriale di Calcinaia e degli ambienti contermini ai Monti Pisani – B” del Piano Strutturale e all’interno dell’UTOE n. 1 Sardina.

Il Comune di Calcinaia è dotato del Piano Strutturale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 83 del 18/12/2012, e del Regolamento Urbanistico approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 03/04/2014;

A seguito della presentazione di un  ricorso per l’annullamento, in parte qua, della deliberazione sopracitata avente ad oggetto l’approvazione in via definitiva del nuovo regolamento urbanistico, si rende necessaria  la variante urbanistica  in esecuzione della sentenza RG n.1095/2016 TAR della Toscana Sez. I. Detta sentenza ha disposto l’annullamento, con effetti ex tunc, della scheda norma CP 1.2, situata all’interno del sistema territoriale UTOE n.1 Sardina del vigente R.U., inserita nel quadro progettuale “Disciplina delle trasformazioni – Scheda Norma”, con la quale era stata ripianificata l’area in esame, alla luce del piano attuativo decaduto e denominato “I Moretti”, ubicato nel sistema territoriale UTOE n.1 Sardina del precedente R.U., approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5/1999.

Da detta Sentenza discende l’obbligo per l’Amministrazione Comunale di dare attuazione e conseguentemente attribuire una nuova disciplina alle aree interessate  mediante una variante al vigente regolamento urbanistico. Il Comune ha dato avvio del procedimento ai sensi dell’art. 7 e seguenti della Legge 241/1990 con nota del 21/10/2016 al fine di addivenire ad un accordo per la ripianificazione della scheda-norma.

Alla luce di tutto questo il Consiglio Comunale con deliberazione n. 2 del 26/01/2017 ha approvato un accordo procedimentale  stipulato in data 02/03/2017 tra le Società ricorrenti e l’Amministrazione Comunale al fine di dare attuazione alla Sentenza sopra citata.

CONTENUTO DELLA VARIANTE

Oggetto della variante consiste nell’attuazione dei contenuti descritti nell’accordo procedimentale sopra descritto:

- prevedere  l’adeguamento della scheda norma CP 1.2. con la previsione di una SUL max produttiva di mq 19.500 rispetto ai mq 12.200 della scheda oggetto di annullamento, da suddividersi nell’ambito dei lotti di proprietà relativamente al comparto CP 1.2;

- cessione gratuita al Comune di un’area da dedicare a servizi F4 di mq 3.130 anziché mq 7.500.

 

SVOLGIMENTO DEL PROCEDIMENTO

La variante è di tipo semplificata  ai sensi dell’art. 30 commi 1 e 2 della L.R.T. 65/2014 in quanto:

non comporta variazione del dimensionamento del P.S. vigente;

la previsione è interna al perimetro del territorio urbanizzato.

Non è richiesto pertanto l’avvio del procedimento ai sensi degli artt. 16 e 17 L.R.T. 65/2014.

Con deliberazione n. 49 del 13/04/2017 la Giunta Comunale ha dato avvio alla procedura di verifica di assoggettabilità a VAS della variante in oggetto per mezzo del Documento preliminare di verifica ai sensi dell’art. 22 della LRT 10/2010 . Con lo stesso atto sono stati individuati i seguenti soggetti competenti in materia ambientale ai sensi dell’art. 20 della LRT 10/2010:

Regione Toscana – Settore Pianificazione del Territorio – Settore Sistema Informativo Territoriale e  Ambientale – Settore Tutela, Riqualificazione e Valorizzazione del Paesaggio;

Ufficio Regionale per la tutela del Territorio;

Provincia di Pisa – Dipartimento dello Sviluppo Locale Strumenti Urbanistici e Trasformazioni Territoriali;

ARPAT;

Azienda USL Toscana Nord-Ovest

Soprintendenza ai Beni architettonici e per il Paesaggio, per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico di Pisa

Unione dei comuni della Valdera

Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Settentrionale

Consorzio di Bonifica “Ufficio dei Fiumi e Fossi”

Genio Civile (ex U.R.T.A.T.) di Pisa

ATO 2 – Basso Valdarno

ATO Gestione Rifiuti – Costa

Enel

Società Toscana Energia

Acque Spa

Telecom Italia SPA

Comuni limitrofi (Bientina, Vicopisano, Pontedera, Cascina);

In data 15/05/2017 è stato trasmesso il Documento preliminare di verifica alla Autorità competente VAS costituita dalla Commissione Paesaggistica  e dal Responsabile dei LL.PP del Comune di Calcinaia (individuata dalla Giunta Comunale con atto n. 76 del 11/07/2013).

L’Autorità competente VAS:

- avvia le consultazioni sul documento preliminare di verifica entro 10 gg dal ricevimento dello stesso, (art. 22 c. 3 L.R.T. 10/2010);

- emette il provvedimento  di verifica entro 90 gg dalla data di ricevimento del documento  preliminare di verifica (art. 22 c. 4 L.R.T. 10/2010).

Le conclusioni del provvedimento di verifica di assoggettabilità saranno rese pubbliche attraverso la pubblicazione sui siti web del Comune ai sensi dell’art. 22 comma 5 L.R.T. 10/2010

Conclusa la procedura di verifica di Assoggettabilità a VAS, l’Amministrazione Comunale procederà all’adozione della variante previo deposito delle indagini geologiche di supporto alla variante presso gli uffici regionali competenti (Genio civile di area vasta)  ai sensi del DPGR 25/10/2011 N. 53 e dell’art. 104 della L.R.T. 65/2014. L’adozione della variante potrà essere effettuata a seguito della comunicazione della data e del numero di deposito, entro sette giorni dall’acquisizione completa della documentazione, ai sensi dell’art. 4 del regolamento 53/R.

L’adozione della variante  seguirà la procedura disciplinata dall’art. 32 della LRT 65/2014 e in particolare:

- pubblicazione di avviso di adozione sul B.U.R.T.;

- comunicazione dell’adozione alla Regione e alla Provincia;

- deposito del progetto di variante per la durata di 30 giorni consecutivi durante i quali chiunque può prenderne visione presentando le osservazioni che ritenga opportune.

- dell’avvenuta adozione e del deposito della documentazione per la misura da parte degli interessati sarà data pubblicità mediante la pubblicazione di avviso sul sito web del Comune.

La documentazione relativa alla verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica è consultabile sul sito istituzionale del Comune nella sezione “Amministrazione trasparente –pianificazione e governo del territorio.”

 

CONTATTI

Progettista della variante:Arch. Anna Guerriero – Responsabile della Sezione Pianificazione e Governo del Territorio.

E-mail: a.guerriero@comune.calcinaia.pi.it

Responsabile del procedimento: Arch. Cinzia Forsi – Responsabile del Servizio Tecnico.

E-mail: c.forsi@comune.calcinaia.pi.it

Garante dell’informazione e della partecipazione: Dr.ssa Norida Di Maio- Segretario Generale del Comune di Calcinaia.

E-mail: n.dimaio@comune.calcinaia.pi.it

 

Allegato DELIBERA_C_C__2_DEL_26-01-2017.pdf (99,48 KB)
Allegato delibera_GC_49-2017-_FASE_PRELIMINARE_VAS.pdf (85,21 KB)
Allegato schema_accordo_procedimentale_accettato.pdf (212,97 KB)
Allegato DOCUMENTO_PRELIMINARE_VAS_con_firma.rar (18,40 MB)