Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

LA STAFFETTA DELLA MOBY PRINCE SI FERMA A CALCINAIA. A 27 ANNI DALLA TRAGEDIA LA CORSA CHE NON DIMENTICA.

inserita il: 10/04/2018 11:04

LA STAFFETTA DELLA MOBY PRINCE SI FERMA A CALCINAIA. A 27 ANNI DALLA TRAGEDIA LA CORSA CHE NON DIMENTICA.

Anche quest’anno, la Staffetta “Una data da non dimenticare”, promossa dal Coordinamento Podistico “Moby Prince”, ha fatto tappa a Calcinaia nel giorno del 27° anniversario del terribile disastro che costò la vita a moltissime persone. Ad accogliere gli atleti il Vice Sindaco dell’amministrazione comunale calcinaiola, Roberto Gonnelli.

Il 10 aprile 1991 poco fuori il porto di Livorno, il traghetto Moby Prince andò a cozzare con la petroliera Agip Abruzzo, ferma in rada. Nel rogo che seguì, morirono tutti gli occupanti del traghetto, 140 persone, ad eccezione del mozzo che riuscì a gettarsi in acqua. Sono trascorsi 26 anni da quel tragico giorno e ancora i familiari delle vittime sono a chiedere chiarezza e giustizia sull´esatta dinamica dell'incidente, questione su cui ancora pendono molti dubbi. 

"Questa manifestazione sportiva - esordice Gonnelli - che anno dopo anno con piacere il nostro Comune accoglie con un saluto e un piccolo ristoro, ha un grande valore: tener viva la memoria e l’attenzione su quello che può essere considerato il più grave incidente della marineria italiana. A distanza di anni appare ancora impossibile che si possa morire così nel porto di Livorno. Voglio ringraziare tutti voi che con il giusto spirito, quello che unisce tanti appassionati di podismo alle persone che ancora chiedono giustizia, riuscite ad organizzare ogni anno questa bella e coinvolgente manifestazione.  Concludo con un augurio e un auspicio: che possano esser al più presto individuate con esattezza cause e responsabilità dell’accaduto”.

Ad accompagnare i podisti fino alla successiva tappa in terra pontederese alcuni agenti della Polizia Municipale Locale, per un corretto e sicuro svolgimento della manifestazione. Degna di esser citata anche la Polisportiva Casarosa, che, fin dalla prima staffetta in memoria del disastro Moby Prince, si è mostrata sensibile e attiva.

A partecipare alla manifestazione, correndo la tappa da Vicopisano a Calcinaia, è stata, tra gli altri, una dipendente comunale, l'Ing. Claudia Marchetti.

Condividi