Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

LO SMALLMOVIE PREMIA “8 GIUGNO ‘76” E “THE LIAR”! ITALIA E INGHILTERRA SUL PODIO DEI CORTI!

inserita il: 23/11/2018 11:36

LO SMALLMOVIE PREMIA “8 GIUGNO ‘76” E “THE LIAR”! ITALIA E INGHILTERRA SUL PODIO DEI CORTI!

Una fantastica serata di cinema nuovo, fresco e…corto! Si è chiusa la Sesta Edizione dello SmallMovie Festival di Calcinaia che ha portato, come ogni anno, in Sala Don Angelo Orsini tanti cortometraggi italiani e stranieri che si sono affrontati fotogramma dopo fotogramma per essere visionati e giudicati da una giuri di esperti del settore presieduta dal regista pisano Paolo Benvenuti.

La rassegna organizzata dall’Associazione Culturale Metrovideo in collaborazione con il Comune di Calcinaia, come sempre condotta dallo spumeggiante Giacomo Lucarini, ha visto l’affermazione nella categoria short del toccante e profondo “8 Giugno ‘76” del regista lucano Gianni Saponara (presente in Sala a ritirare il premio), incentrato proprio sull’assassino del magistrato Francesco Coco e dell’agente di scorta Giovanni Saponara, oltre che dell’autista Antioco Deiana da parte dell Brigate Rosse nei cosiddetti anni di piombo.
“Un cortometraggio a tema che non si fa “mangiare” dal tema – si legge nella motivazione dei giurati -  seppur forte e importante. Il rischio che si corre quando si realizzano opere di grande impegno civile, infatti, è quello di concentrarsi su quello che si racconta senza pensare troppo al come lo si racconta. Questo non accade nel corto di Gianni Saponara, che è girato con uno stile asciutto ma elegante, fa un uso sapiente del montaggio alternato e sa valorizzare, con l’apparente semplicità del piano fisso, la recitazione degli attori, come nella sequenza in cui la brava Donatella Finocchiaro, nella parte della moglie di Giovanni Saponara, apprende dalla radio della morte del marito”.

La vittoria nella sezione Under35 è invece andata al cortometraggio anglo-italiano “The Liar” di Jack Salvadori che, con un video messaggio da Londra, ha ringraziato per il premio ricevuto. Un corto surreale, ironico e affascinante che parla di una freddissima vendetta che Adolf Hitler (in realtà ancora vivo) intende consumare ai danni di un  imborsito Winston Churchill nel 1963 in uno sperduto paesino dell’Inghilterra. “Per la maestria e la minuzia di particolari – si legge nella motivazione con cui la giuria ha assegnato il premio a questo corto - con i quali ha saputo creare un piccolo mondo in cui far muovere dei personaggi genuini e ben caratterizzati; per la freschezza e la creatività mostrata nell'invenzione di una storia tanto divertente quanto particolare e per le performance di un cast di attori davvero sorprendente”.

Menzione speciale e targa di riconoscimento per due corti davvero particolari come il surreale “FiSOlofia” di Nicola Palmieri e del suggestivo “Pipinara” di Ludovico De Martino.

Prima delle premiazioni grandiosa la lezione di cinema per giovani registi impartita dal Maestro, Paolo Benvenuti.

Particolarmente soddisfatti per la perfetta riuscita della serata, gli organizzatori del festival Simone Lagi e il regista calcinaiolo Francesco Picone dell'Associazione Metrovideo che non sono stati parchi di complimenti:

“Ringraziamo il Comune di Calcinaia – esordiscono i rappresentanti dell’associazione Metrovideo - perché crede in questo Festival, dedicato al cinema indipendente internazionale e ai giovani registi, fin dalla sua nascita. La nostra gratitudine va anche al nostro main sponsor, la Banca di Pisa e Fornacette rappresentato questa sera da Silvia Volpi. Ci complimentiamo infine con la nostra giuria, composta dalla giornalista Laura Martini, dal regista Paolo Benvenuti, dai critici e giornalisti Gianluca Pelleschi e Real Montecucco, che hanno messo a disposizione tempo e competenze per scegliere accuratamente le opere migliori da premiare”.

A portare i saluti dell’amministrazione comunale di Calcinaia l’assessore alle politiche giovanili, Beatrice Ferrucci. “Il successo di questa manifestazione – spiega - si riconferma di anno in anno in qualità e quantità. Sono infatti sempre di più e sempre più belle le opere in concorso, così come sono sempre numerosi gli spettatori e le spettatrici che presenti alla giornata conclusiva del Festival. Con questa iniziativa vogliamo dare un’occasione di crescita e visibilità ai giovani registi di tutto il mondo che si affacciano alle porte di questo complesso mestiere, ma anche l’opportunità ai giovani del nostro territorio di entrare in contatto con il genere del cortometraggio e con il panorama del cinema indipendente internazionale”.  

 

Condividi