Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

L´UNIONE DEI COMUNI SCRIVE, RENZI RISPONDE

inserita il: 02/04/2014 17:40

L´UNIONE DEI COMUNI SCRIVE, RENZI RISPONDE

Forte iniziativa politica promossa dall'Unione Valdera che, sotto la spinta dei Comuni coinvolti dalla vicenda dell'annullamento del concorso dei dirigenti scolastici, aveva concordato e inviato una lettera, per conto del suo presidente, Simone Millozzi, proprio al primo ministro, Matteo Renzi.

Questa la lettera concordata nella sede dell'Unione dei Comuni efortemente voluta dal Sindaco del Comune di Calcinaia, Lucia Ciampi, in veste di Presidente dell'Esecutivo di settore Politiche Scolastiche dell'Unione Valdera e degli altri sindaci e assessori dei vari comuni coinvolti.

Gentilissimo Presidente, 

Le scrivo in qualità di Presidente dell'Unione dei Comuni della Valdera (Pi) per rappresentarLe la situazione di particolare difficoltà in cui si troverebbero sei Istituzioni Scolastiche di questo territorio qualora andasse in esecuzione la sentenza .n 990 del Consiglio di Stato del 3 marzo 2014. Le Istituzioni scolastiche tutte e quelle interessate, in particolare, sono fortemente preoccupate di un possibile nuovo cambio della dirigenza e degli effetto dell'istituto della reggenza, a tal proposito sono portavoce delle proteste di interi Consigli di Istituto. Queste difficoltà sono fortemente denunciate dalla rete "Costellazioni" che riunisce 11 istituti comprensivi, 4 istituti secondari di secondo grado attraverso la Presidente la quale sottolinea che tale situazione non va nella direzione di garantire la qualità della scuola, oltre a penalizzare i dirigenti coinvolti non per loro responsabilità. L'Unione dei Comuni della Valdera è a fianco dei Dirigenti scolastici colpiti sul piano personale e professionale che, pur avendo svolto con fatica ed impegno un regolare iter concorsuale risultandone vincitori e avendo assunto un ruolo molto diverso da quello di provenienza, si trovano ora per errori dell'Amministrazione pubblica a subirne le pesanti conseguenze negative. Gentile Presidente, Le rivolgo l'appello a nome degli Enti Locali e delle Istituzioni scolastiche di questo territorio perché risolva positivamente, per le persone coinvolte e soprattutto per gli Istituti che hanno diretto, questo non facile problema della burocrazia, nell'ottica della difesa della qualità della scuola e delle professionalità che in essa operano.

Il Presidente dell'Unione Valdera,
Simone Millozzi

Le istanze di sindaci e assessori della Valdera hanno trovato subito attento e interessato il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha già approvato un decreto legge che prevede misure urgenti per garantire il regolare svolgimento dell'anno scolastico in corso nelle sedi interessate dalle procedure concorsuali per dirigente scolastico
Il decreto legge serve a garantire, nell'immediato, il regolare completamento dell'anno scolastico in corso a seguito del parziale annullamento giurisdizionale del concorso indetto per il reclutamento di 2.386 dirigenti scolastici. 

In questo modo si assicura che i dirigenti scolastici già nominati continuino ad esercitare le funzioni alle quali sono stati preposti nelle sedi di rispettiva assegnazione. Sospiro di sollievo da parte dei sette dirigenti scolastici della Valdera interessati dal provvedimento che ora potranno rimanere, secondo il decreto adottato dal governo Renzi al loro posto fino - si legge nel testo del decreto - "al rinnovo della procedura concorsuale".

La disposizione che sospende almeno temporaneamente la decisione che Consiglio di Stato si applica ai dirigenti scolastici che avevano ottenuto il posto a tempo indeterminato con il concorso di tre anni fa (tra cui anche il Dirigente dell'Istituto M. L. King, Luca Pierini).

In sostanza i dirigenti concluderanno sicuramente l'anno scolastico, ma probabilmente rimarranno al loro posto anche per il prossimo anno, anche se dal testo del decreto legge tutto fa presagire che sarà indetto un nuovo concorso, ma qui si entra in una materia ancora tutta da definire e non è detto che possano essere adottate nuove decisioni in merito.

Condividi