Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

MICROCREDITO AL VIA PER LAVORATORI IN DIFFICOLTA´

inserita il: 15/11/2013 09:48

MICROCREDITO AL VIA PER LAVORATORI IN DIFFICOLTA´

E´operativo dal 7 novembre il microcredito a favore dei lavoratori e delle lavoratrici in difficoltà. É una misura che la Regione Toscanaha messo a punto per andare incontro alle difficoltà di chi, a causa della crisi che ancora investe la nostra regione, non riceve lo stipendio da almeno due mesi. Purtroppo sono casi sempre più frequenti, anche in conseguenza dei ritardi dello Stato nell´erogazione della cassa integrazione, sia delle risorse insufficienti che ci hanno costretto a sospendere le autorizzazioni per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali in deroga.

Per sostenere chi da mesi è senza stipendio e ha bisogno, giorno dopo giorno, di qualche certezza per tirare avanti, la Regione Toscana ha pensato, grazie ad un investimento di 5 milioni l´anno per tre anni, di assicurare la copertura totale degli interessi e delle garanzie sugli importi erogati dalle banche. 

A partire da giovedì 7 novembre, Fidi Toscana inizierà a ricevere le domande. Il finanziamento massimo concendibile è di3 mila euro, erogati in una unica soluzione. Il fondo di 5 milioni permetterà di attivare prestiti fino a cinque volte superiori. 

"Contiamo, in questo modo - fanno sapere dalla Regione -, di dare, sia pure parziale risposta ad un numero significativo di lavoratori e lavoratrici in difficoltà e di poter attivare, nei tre anni in cui si articola la misura, qualcosa come circa 15 mila prestiti".

"Ci auguriamo che, anche grazie all´accordo e alla positiva collaborazione del sistema bancario toscano, lo strumento si riveli un modo per fare fronte tempestivamente all´emergenza sociale causata dall´ancora insufficiente crescita economica e dell´occupazione". 

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web dell´Unione Valdera.

Condividi