Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

PRESENTATA L´INIZIATIVA CHE FAVORISCE L´INTEGRAZIONE

inserita il: 26/10/2013 10:51

PRESENTATA L´INIZIATIVA CHE FAVORISCE L´INTEGRAZIONE

Presentato nella conferenza stampa che si è svolta sabato 26 Ottobre nella Sala Consiliare del Comune di Calcinaia, il ciclo di incontri rivolti alle donne di origine straniera organizzato dalla Sartoria della Solidarietà di Fornacette in collaborazione con l´Associazione Non Più Sola Onlus di Pontedera e con il Comune di Calcinaia.

Si tratta di quattro appuntamenti, tre dei quali legati al tema della sanità, con il preciso intento di dare un orientamento alle emigranti da poco giunte nel nostro territorio che si trovano a contatto con un sistema ospedaliero e con delle regole profondamente diverse rispetto a quelle del paese di origine.

Inoltre Mercoledì 30 ottobre si porranno le basi per un corso di lingua italiana di base per aiutare coloro che hanno ancora difficoltà ad esprimersi in italiano.

"Queste iniziative sono il logico proseguimento di un progetto che avevamo iniziato due anni fa - spiega l´Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Calcinaia, Francesco Sangiovanni - quando assieme ai comuni di Buti, Bientina e Santa Maria a Monte, organizzammo una serie di iniziative rivolte alle donne provenienti da paesi diversi rispetto all´Italia. Fu un primo approccio per cercare di integrare una popolazione straniera che con il passare degli anni ha avuto un bell´incremento nelle nostre zone, perlopiù in virtù delricongiungimento familiare. Vale a dire che gli uomini che sono emigrati nel territorio comunale di Calcinaia e sono riusciti a trovare un´occupazione e una casa, sono stati raggiunti negli anni successivi dalle mogli e dai figli. Spesso però quest´ultimi hanno problemi di integrazione dovuti principalmente alla lingua e a servizi che risultano profondamente differenti rispetto a quelli del loro paese d´origine. Ecco allora l´idea di riproporre con l´indispensabile aiuto della Sartoria della Solidarietà nuovi incontri volti a superare questi ostacoli".

E proprio grazie alla Sartoria della Solidarietà e quindi all´Associazione Auser, è stato approntato un cartellone di iniziative di sicuro interesse: "La Sartoria della Solidarietà - spiega Iria Parlanti - con i suoi due centri di Fornacette e Calcinaia è impegnata da tempo in iniziative di carattere solidale, ma spesso ci avventuriamo anche in progetti che vanno aldilà dei lavori di sartoria che quotidianamente vengono svolti nei nostri locali. Proprio nel pubblicizzare questo ciclo di incontri abbiamo incontrato alcuni insegnanti delle scuole di Calcinaia e Pontedera che ci hanno effettivamente manifestato il loro interesse a divulgare queste iniziative. Capita spesso infatti nelle classi, sempre più multietniche, che i genitori stranieri abbiamo difficoltà a comunicare con le insegnanti e che proprio i bambini facciano da interpreti alla loro conversazione. Speriamo davvero che questi appuntamenti possano essere di aiuto alle donne straniere che vivono nel nostro territorio e che magari favoriscono nuove amicizie e una migliore integrazione anche con la nostra gente".

Grandi plausi alla Sartoria della Solidarietà, anche dal Sindaco, Lucia Ciampi: "Iria e tutte le donne delle Sartorie hanno sempre dimostrato il loro grande impegno in iniziative di carattere solidale - ha concluso il Sindaco Ciampi - è un´attività che richiede passione e grande spirito di servizio e non è un caso se queste donne hanno deciso di aiutare altre donne a risolvere problemi che creano ulteriori fragilità. La mancanza di conoscenze di alcune regole, la difficoltà ad esprimersi nella nostra lingua spesso rappresentano ostacoli che senza l´aiuto di qualcuno risulta complicato superare. La nostra Amministrazione e il nostro paese devono essere accoglienti verso chi, mi riferisco soprattutto agli emigranti di prima generazione, ha lasciato con sofferenza il proprio luogo di origine per cercare un posto dove poter vivere in maniera dignitosa. Ogni anno il nostro Comune conferisce circa 20 cittadinanze italiane a persone che hanno storie diverse, ma che sono accomunate dal fatto di aver raggiunto l´Italia qualche decennio fa e dopo un iter difficile e sofferto sono riuscite a integrarsi a trovare un´occupazione e un posto dignitoso in cui vivere. Anche grazie a loro la nostra società continua ad evolversi. E´ per questo che iniziative come questo ciclo di incontri gratuiti riservato a donne straniere merita tutto il sostegno da parte dell´Amministrazione Comunale".

Il primo appuntamento è in programma per martedì 29 ottobre. A intervenire sarà il dott. Giacomo Allegrini, che tratterà di problemi di natura oncologica. 

Si prosegue con un incontro mercoledì 30 ottobre, in cui verrà programmato la realizzazione di un corso di lingua italiana da svolgere nell´anno 2014, dal mese di gennaio al mese di giugno.

Ancora di sanità si parlerà martedì 5 novembre. Con la dottoressa Angela Gioia verranno affrontati temi come cure palliative e hospice.

A concludere il ciclo martedì 19 novembre sarà la dottoressa Grazia Fazzino, responsabile del Consultorio Asl Valdera, con un momento di informazione e auto aiuto per le donne che hanno partorito. 

Tutti gli incontri hanno inizio alle ore 17, presso la Sartoria della Solidarietà (Via Curiel, 7, Fornacette).

 

     

Condividi