Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

RAGGUAGLI SULLA BANDA ULTRAVELOCE. IL SINDACO CHIAMA TIM

inserita il: 23/11/2017 16:59

RAGGUAGLI SULLA BANDA ULTRAVELOCE. IL SINDACO CHIAMA TIM

Pochi mesi fa il comunicato che annunciava l'arrivo della fibra ottica a 100 Megabit al secondo a Fornacette e Calcinaia.

Il gestore di telefonia TIM in collaborazione con il Comune di Calcinaia aveva infatti presentato un programma che prevedeva di  raggiungere progressivamente la quasi totalità della popolazione posando 21 km di cavi in fibra ottica sul nostro territorio entro la fine dell'anno.

I lavori sono effettivamente cominciati da subito a buon ritmo, tanto che nel giro di poco tempo la fibra è stata posata dapprima nella zona industriale e poi nel centro di Fornacette con tecniche e strumentazioni innovative e a basso impatto ambientale che hanno minimizzato i tempi d'intervento.

Nel mese di Ottobre, secondo cronoprogramma, era prevista la fase di installazione dell'elettronica nelle centraline stradali per rendere funzionante la rete, con le imprese e i cittadini di Fornacette che avrebbero già potuto usufruire di internet super-veloce. Successivamente gli interventi avrebbero invece riguardato esclusivamente Calcinaia.

Purtroppo ad un certo punto si è notato un certo stallo nel completamento dell'opera e il Sindaco del Comune di Calcinaia, Lucia Ciampi, ha contattato i referenti di TIM per avere ragguagli sulla situazione.

TIM, nello specificare che  tale programma poggia esclusivamente sui propri investimenti, senza alcun  contributo pubblico di qualsiasi natura, ed è quindi l'unica ad accollarsi il rischio di impresa, ha comunicato in maniera trasparente all'amministrazione che i programmi di cablaggio in fibra ottica presentati a suo tempo a livello nazionale su determinate aree - quindi non solo a Calcinaia - sono attualmente in fase di verifica, circostanza che ha comportato lo stop di questo tipo di attività. TIM ha infatti interlocuzioni e verifiche in corso con le autorità di regolamentazione.  

Una volta ultimate tali verifiche, l'azienda comunicherà tempestivamente i propri piani tra cui quello relativo al nostro Comune.

Tale situazione, che ovviamente non farà felici gli utenti ma che rappresenta un obbligo a cui l'azienda deve adempiere,  lascia pertanto l'amaro in bocca sia all'operatore privato di telefonia che al primo cittadino calcinaiolo: "Sono naturalmente dispiaciuta - spiega il Sindaco Ciampi - di questo inconveniente che sta ostacolando la realizzazione della rete in fibra ottica a Calcinaia e Fornacette. Il nostro Comune aveva accolto molto favorevolmente l'interesse di TIM a coprire il nostro territorio con internet super-veloce. Misura che avrebbe dato l'opportunità a cittadini ed imprese di accedere a servizi all'avanguardia e al passo coi tempi. Purtroppo, come ho avuto modo di apprendere, sussistono questioni di rilevanza nazionale che vanno oltre le nostre capacità di intervento. Nonostante questo stop comunque la volontà dell'amministrazione resta la stessa e, certamente, nel prossimo futuro la fibra sarà attiva nel nostro territorio. Tuttavia, sempre nell'ottica della chiarezza e della trasparenza mi è sembrato doveroso informare la cittadinanza, parte della quale è molto sensibile all'argomento, dei ragguagli che ho chiesto e ottenuto con velocità e correttezza dai referenti TIM che ringrazio per la cortesia e la disponibilità mostrata nei miei confronti".

Si allungano dunque i tempi, ma l'amministrazione comunale continua a puntare forte sulla banda ultra larga. Il 2018 potrebbe essere l'anno giusto per la definitiva attivazione.

Condividi