Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

RAZIONALIZZAZIONE DEL CONSUMO DI ACQUA POTABILE, ECCO L'ORDINANZA!

inserita il: 12/07/2019 12:23

RAZIONALIZZAZIONE DEL CONSUMO DI ACQUA POTABILE, ECCO L'ORDINANZA!

Il Sindaco del Comune di Calcinaia ha emesso una ordinanza volta ad incentivare il risparmio idrico e limitare l’utilizzo dell’acqua potabile ai soli usi primari, alimentari o igienico-sanitari. Si tratta di un atto deciso in seguito alla richiesta dell’Autorità Idrica Toscana di adottare per il periodo estivo una specifica ordinanza di divieto di tutti gli usi non essenziali dell’acqua.

Il Sindaco ha adottato l'ordinanza con decorrenza immediata, imponendo a tutta la cittadinanza il divieto di consumo di acqua derivata dal pubblico acquedotto per scopi diversi da quelli igienico-domestici come:

  • La pulizia di cortili e piazzali
  • Il lavaggio domestico di veicoli a motore
  • L’innaffiamento di orti, giardini, prati
  • Il riempimento di piscine, fontane ornamentali e simili.

E' inoltre severamente vietato:

  • Prelevare acqua dalle fontane pubbliche per usi diversi dall’alimentazione, dai servizi igienici e dagli altri impieghi ordinari domestici e, comunque, applicando alle bocche dellefontane tubi di gomma o d’altro materiale equivalente, allo scopo di convogliare acqua;
  • Prelevare acqua dalle bocche d’innaffiamento stradale e dei pubblici giardini, nonché di lavaggio delle fognature, se non da persone a ciò autorizzate e per gli usi cui tali prese sono destinate;
  • Prelevare acqua dagli idranti antincendio installati nelle strade se non per spegnimento di incendi.

L'ordinanza riguarda tutto il territorio comunale, al fine di garantire una soddisfacente erogazione a tutte le utenze presenti sul territorio.

A verifica del rispetto delle prescrizioni citate, saranno attivati controlli specifici, che in caso di trasgressione comportano l’applicazione di una sanzione amministrativa da 100 € a 500 €.

In allegato a questa notizia, il testo integrale dell'ordinanza emessa dal Sindaco.

Allegato Ordinanzan.25-2019.pdf (389,72 KB)

Condividi